FRELP

Full Recovery End Life Photovoltaic

Problemi affrontati

Lo stock di pannelli fotovoltaici (PV) è aumentato notevolmente negli ultimi anni ed è attualmente stimato a circa tre milioni di tonnellate nell’UE.

Tuttavia, le soluzioni sostenibili per il recupero dei pannelli fotovoltaici non sono ancora ben sviluppate perché, se non smaltiti correttamente, possono causare problemi di salute sia ambientali e umani.

Si prevede che, a partire dal 2015, saranno smaltite in Europa circa 30.000 t/anno, e, nel corso dei prossimi 20 anni questa cifra potrebbe raggiungere 500.000 t/anno, di cui:

  • 390.000 t/anno di vetro;
  • 55.000 t/anno di alluminio;
  • 35.000 t/anno di materie plastiche;
  • 11.500 t/anno di celle in silicio cristallino.

Dal 2012 il fotovoltaico è stato incluso nella direttiva europea WEEE, che impone ai produttori e agli importatori di facilitare e finanziare il ritiro ed il riciclaggio dei prodotti a fine vita scartati.

Le tecnologie attuali riciclano il vetro a basso valore, come la fibra di vetro o per isolamento. Esse non consentono il recupero di metalli, in particolare del silicio cristallino, utilizzato in più del 90% delle celle fotovoltaiche mondiali. La produzione di silicio implica costi energetici che sono equivalenti a tre anni di energia fotovoltaica, che rappresenta un grave inconveniente in termini di prestazioni ambientali in vista di un approccio stile ciclo di vita (life-cycle approach).

Annunci